I setti fibrosi e la cellulite

I setti fibrosi sono tra i responsabili della “visibilità” della cellulite. Questi ispessimenti di tessuto fibroso, fanno parte della struttura della cellulite. Proprio la struttura della cellulite è l’ultimo confine per i trattamenti, che grazie a ricerca e innovazione, sono più duraturi, senza ricorrere al bisturi. La cellulite colpisce la stragrande maggioranza delle donne, di solito dopo la pubertà. Molti credono che la cellulite sia un problema di grasso e che possa essere eliminato con la dieta e l’esercizio fisico. L'esperienza conduce ad altre conclusioni: si può ridurre la comparsa della cellulite se si perde peso, ma non è possibile sbarazzarsene completamente. E alcune diete potrebbero addirittura peggiorare la situazione.

Cosa sono i setti fibrosi?
I setti fibrosi sono ispessimenti dovuti proprio all’ alterazione della struttura delle cellulite soprattutto in determinate zone del corpo. I setti fibrosi, sono come delle bande strette e rigide, che tirano verso il basso la pelle, creando così l’effetto tipico della cellulite sulla superficie della pelle.

Perché agire sui setti fibrosi?
Secondo alcuni esperti, la recisione dei setti fibrosi consentirebbe il livellamento della superficie della pelle, Il risultato è quello di migliorare l'aspetto della cellulite per un lungo periodo di tempo.

Cellulite, struttura e setti fibrosi: Ma non è un problema di sovrappeso
Ci sono molte descrizioni più o meno scientifiche che portano a dare diverse interpretazioni sulle cause della formazione della cellulite. Tra queste c’è anche quella che descrive come la cellulite si formi per alterazioni a livello strutturale. La cellulite si forma perché c’è anche un problema strutturale sotto la pelle che solo un medico può trattare.

Cosa c’è dietro alla definizione di cellulite come alterazione della struttura del tessuto adiposo?
Per capire meglio che cos’è la cellulite si deve avere una nozione di anatomia della pelle. Lo strato più esterno della pelle è l'epidermide. Immediatamente sotto all’ epidermide si trova il derma.

Il derma è ricco di:

  • follicoli piliferi
  • ghiandole sudoripare
  • vasi sanguigni
  • recettori nervosi
  • tessuto connettivo
L’anatomia della cellulite, grazie alla risonanza magnetica nucleare è ormai nota ed è alla base delle ricerche che puntano a contrastare la cellulite a livello strutturale. Per molti esperti, il problema è strutturale e causato da alterazioni istologiche e biochimiche a carico del tessuto adiposo e del derma.
La cellulite sarebbe il risultato di complessi meccanismi che si manifestano in modi diversi a seconda della loro evoluzione nel tessuto adiposo:
  • aumento degli adipociti
  • aumento del volume delle cellule adipose
  • alterazione della forma
  • diminuzione del tessuto adiposo
  • ispessimento cellulare
  • neoformazione di fibre collagene
  • incapsulazione degli adipociti degenerati
  • formazione di micronoduli
  • evoluzione in macronoduli palpabili e visibili
  • indurimento dei setti fibrosi connettivali
  • stiramento della cute verso i piani profondi
  • formazione delle depressioni responsabili del tipico aspetto “bucherellato”

Tutta colpa dei setti fibrosi? Perché le donne hanno la cellulite e gli uomini no

Nella donna i setti fibrosi sono perpendicolari alla superficie cutanea in sezioni rettangolari.

Quando il tessuto adiposo si altera:

  • aumenta il volume dei lobuli e le trabecole
  • si sclerotizzano le fibre di collagene
  • aumenta la compressione del tessuto adiposo
  • si vede la pelle a buccia d’arancia

Nel tessuto sottocutaneo dell’uomo invece:

  • i setti fibrosi sono disposti in modo romboidale
  • i lobuli di forma poligonale
  • non invadono il derma (anche in caso di grandi accumuli adiposi)

Le differenze ormonali tra i generi spiegano in gran parte queste diversità a livello della struttura della pelle. Secondo alcuni studi gli uomini che nascono con basse concentrazioni di ormoni maschili hanno spesso un aspetto delle cellule di grasso sottocutaneo simili alle femmine.

Qual è ruolo del tessuto connettivo nel derma?
Il tessuto connettivo del derma serve per mantenere:

  • la struttura
  • l'isolamento
  • la stabilità

del derma sottocutaneo.

Il tessuto connettivo è composto principalmente da:

  • collagene che conferisce resistenza alla trazione
  • tessuto elastico che conferisce alla pelle la capacità di estensione e ritorno alla normalità

Setti fibrosi: il nemico
I trattamenti più innovativi attaccano la struttura  della cellulite, quindi i setti fibrosi per risultati:

  • clinicamente testati
  • più duraturi

Setti fibrosi: Quali sono le cause della cellulite?
Ci sono 3 problemi strutturali che causano la cellulite:

  • I setti fibrosi si assottigliano e irrigidiscono
  • Il Grasso, aumenta di volume, è intrappolato e trattenuto dai setti fibrosi
  • la pelle assottigliata rende l'aspetto della cellulite peggiore

Altri fattori associati alla cellulite sono:

  • invecchiamento
  • ereditarietà
  • gli ormoni
  • peso
  • sesso

Ecco perché qualsiasi trattamento della cellulite efficace deve affrontare più del grasso la struttura della cellulite per ottenere risultati più duraturi.

Setti fibrosi:  la Subcision
Questa è un tecnica chirurgica.
Il medico userà un ago sottile con un gancio per recidere il tessuto connettivo indurito(i setti fibrosi)  che è responsabile della comparsa della cellulite. Consigliato per fossette e avvallamenti, ma non come rassodante o riducente dei grassi. Questo trattamento è importante quindi si deve essere consapevoli di cosa si dovrà affrontare. Sono tuttora in corso studi sulla reale efficacia del trattamento.

Setti fibrosi: laser  
Una delle procedure laser usate per la cellulite, tratta i setti fibrosi che causano:

  • grumi
  • ispessimento
  • perdita di elasticità alla pelle.

Il trattamento è impegnativo, richiede l’anestesia locale,  e presenta alcuni effetti secondari come:

  • gonfiore
  • lividi
  • dolorosa
  • recupero lungo
  • lieve miglioramento

ci si deve sempre rivolgere ad un medico esperto. La consapevolezza deve essere sempre accompagnata da aspettative realistiche.

Setti fibrosi: subcision pilotata
Questo trattamento approvato dalla FDA e certificazione CE, agisce con la recisione senza chirurgia dei setti fibrosi, migliorando l’aspetto della pelle a buccia d’arancia con il minimo di effetti collaterali per un lungo periodo.
E’ un trattamento ambulatoriale, in anestesia locale, ha una durata di 45 minuti.  I risultati possono perdurare fino a 2 anni, ma si deve essere consapevoli che è un trattamento che riduce solo l'aspetto della cellulite, non ha effetto lifting o riducente. È indispensabile rivolgersi sempre aad un medico esperto o un chirurgo plastico che operino in strutture accreditate.

 

Gli argomenti contenuti in questo sito sono elaborazioni d'informazioni che non intendono sostituire il rapporto diretto tra medico e paziente.
Per approfondimenti rivolgersi al medico specialista.